Bonus Psicologo 2022: Scopri Chi Può Richiedere i 600 Euro

Il bonus psicologo 2022 è un’iniziativa volta a migliorare e a tutelare la condizione di benessere mentale della popolazione, con un fondo di 20 milioni di euro. Di questi, 10 milioni sono destinati alle infrastrutture per l’assunzione di personale sanitario e assistenti sociali; la parte restante verrà distribuiti tra i cittadini aventi diritto in base al proprio Isee, che deve essere inferiore a 50 mila euro. Gli idonei potranno richiedere un ristoro delle spese sostenute per incontri con psicologici o psicoterapeuti fino ad un massimo di 600 euro. Il bonus psicologo fa parte delle misure per contrastare gli effetti negativi della pandemia sulla popolazione, introdotto dalla legge di conversione del decreto Milleproroghe, pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 28 febbraio e in vigore dal 1° marzo.

Chi può richiedere il bonus Psicologo 2022

Sono 10 milioni i fondi stanziati per l’accesso dei cittadini ai servizi psicologici. Per richiederlo è necessario essere in possesso di una certificazione Isee, che attesta la situazione economica del proprio nucleo familiare e che può essere richiesta presso i centri Caf e Cisl del proprio comune di residenza. Sono escluse dall’iniziativa le persone fisiche con un Isee superiore a 50 mila euro. Per gli idonei è previsto un ristoro dei costi sostenuti per l’accesso a servizi psicologici, purché erogati da specialisti iscritti all’albo. L’importo verrà definito in base alla fascia Isee di apparenza, per dare la precedenza a chi ha una situazione economica meno favorevole, fino ad un massimo di 600 euro a persona, cifra che mediamente ricopre i costi di 12 sedute con uno specialista. Il bonus verrà erogato sotto forma di voucher dal proprio medico di base.

Può fare richiesta chiunque rispetti i vincoli reddituali indicati (Isee inferiore a 50.000) senza limiti di età. Si stima che circa 16.000 persone potranno usufruire del bonus psicologo. Con molta probabilità la domanda sarà da presentarsi online tramite i portali dell’amministrazione pubblica. Si attende ancora il decreto attuativo, previsto per la fine di Marzo, che definirà di richiesta, gli importi precisi divisi per fasce Isee ed eventuali requisiti aggiuntivi.

bonus psicologo 2022
Bonus psicologo 2022

Una misura necessaria per contrastare gli effetti della pandemia

L’iniziativa è orientata a rendere accessibili colloqui psicologici e terapie, anche in assenza di una diagnosi di disturbi mentali per migliorare il benessere della popolazione, sempre più afflitta da situazioni di disagio, ansia, depressione e trauma da stress a causa della pandemia. L’agevolazione, ampiamente richiesta dalla popolazione, è stata approvata il 16 febbraio in Commissione Bilancio della Camera ed è un importante risorsa soprattutto per i più giovani, che risultano essere la fascia più colpita dall’isolamento e dal distanziamento sociale.

L’impatto emotivo del covid è stato forte e negativo per l’intera popolazione e molti esperti ne sono preoccupati e definiscono il disagio psicologico che avvertiamo tutti come una vera e propria seconda pandemia. A seguito del distanziamento sociale, dell’isolamento, della costante preoccupazione per salute e per il futuro sono infatti aumenti significativamente i casi di depressione, ansia e disturbi da stress. Buona parte della popolazione non affronta queste problematiche e non chiede supporto professionale; e sebbene nella maggior parte dei casi questi disagi non sfocino in un disturbo mentale, compromettono significativamente la qualità della vita, ci allontanano dai nostri obbiettivi, rendono più aride le nostre relazioni e nuocciono anche alla collettività e alla salute fisica.

Per questo tutti dovrebbero avere la possibilità di poterli trattare insieme ad uno psicologo o psicoterapeuta. Anche dopo l’emergenza sanitaria la situazione socioeconomica continua ad essere instabile e gli strumenti per gestire insicurezze, paure e ansia, rimangano più che mai attuali e necessari Inoltre, incoraggiare e aiutare le persone a rivolgersi ad uno psicologo può contribuire a diminuire lo stigma sociale che persiste tuttora intorno a questa figura professionale. L’impatto positivo di questa agevolazione sarà positivo sia per la collettività che per i singoli individui e ci aiuteranno a ripartire e ad affrontare nel migliore dei modi il periodo post-pandemia.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.