Categoria: Italia

Antica cartografia d’Italia

ANTICA CARTOGRAFIA D’ITALIA

mostra promossa da Provincia di Milano/Assessorato alla Cultura in collaborazione con Associazione culturale “Giovane Europa”

Biblioteca Isimbardi, Via Vivaio 1, Milano

dal 25 novembre 2011 al 10 gennaio 2012

orari: lunedì-giovedì 10/16, venerdì 10/13

chiuso sabato e festivi e il 9 dicembre

ingresso libero

inaugurazione venerdì 25 novembre, ore 18

Le Donne del Risorgimento

Peppa a’ Cannunera ovvero Giuseppa Bolognani
Giuseppa Bolognani – questo il suo vero nome, anche se per i catanesi rimase sempre “Peppa, ‘a cannunèra” – nasce in Sicilia, a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.

cairoli

Adelaide Cairoli
Adelaide Cairoli nacque a Bono, vicino Milano, il 5 maggio del 1806. Madre dei fratelli Cairoli, oggi è considerata un modello di “madre della nazione”. Una donna cioè capace di incarnare e diffondere l’intelletto femminile e i valori della Patria nell’Italia del Ventesimo secolo.

Maffei

Clara Maffei
Elena Chiara Maria Antonia Carrara Spinelli, o più semplicemente Clara, nasce a Bergamo il 13 Marzo 1814. Nel marzo del 1832 sposa il giovane poeta Andrea Maffei, conosciuto tramite il padre.

masanello1

Antonia Masanello
La storia vorrebbe che l’unica donna presente nell’elenco ufficiale dei Mille, stilato dal ministero della Guerra e pubblicato sul Giornale Militare nel 1864, sia stata Rosalie Montmasson.

Garibaldi sulle alture di Sant’Angelo a Capua – G. Induno

Datata 1861, la tela, realizzata ad un anno dalla vittoriosa campagna garibaldina nel sud d’Italia, appartiene all’ampia serie di dipinti dedicati da Gerolamo Induno all’esaltante epopea del condottiero, ripercorsa dall’artista, attento cronista dei fatti contemporanei, in numerosissime versioni, oscillanti tra lo scrupoloso resoconto bellico-cronachistico e la commossa rievocazione eroica.

Garibaldi è qui ritratto in atteggiamento assorto, con lo sguardo rivolto verso un orizzonte ampio e aperto ai suoi piedi, privo di precisi riferimenti ambientali, non fosse per il nome della località, tracciata su una roccia, che ambienta la scarna ma suggestiva scena sulle alture di Sant’Angelo, vicino a Capua; fu questa zona, tratteggiata con un respiro che sottintende all’epica grandezza della vicenda garibaldina, teatro di una delle vittorie più grandi e clamorose di Garibaldi, riportata sulle rive di quel Volturno che placidamente attraversa la piatta ed estesa pianura sullo sfondo. Il predominio del dato paesaggistico e l’atteggiamento spontaneo e tuttaltro che ufficiale, tuttavia di grande carisma, dell’eroe ritratto in un momento di intima riflessione ma ugualmente solenne nell’atteggiamento disinvolto e sicuro, distanziano la rappresentazione dal genere storico in senso stretto, riducendo tanto gli aspetti documentari della pittura militare quanto quelli celebrativi, consapevolmente rinnegati dall’artista anche grazie all’utilizzo di un formato ridotto.

Giovani talenti d’Italia

Trieste – Palazzo del Governo

16 aprile 2011

“Giovani talenti d’Italia” è il titolo della manifestazione tenutasi il 16 aprile scorso nei saloni della Prefettura di Trieste con la quale sei giovani italiani, che si sono distinti nelle aree della cultura, della ricerca e dell’innovazione, del business, del volontariato e della crescita personale sono stati premiati dalla Junior Chamber Italiana (JCI Italy), con i premi TOYP (The Outstanding Young Person) e BBP (Best Business Plan), i massimi riconoscimenti dell’associazione.

L’evento, organizzato nell’ambito delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, con il patrocinio della Prefettura di Trieste, della locale Camera di Commercio e del Comune di Trieste, si è svolto alla presenza delle massime autorità locali. Ospiti del Prefetto Alessandro Giacchetti, tra gli altri, i deputati Ettore Rosato e Roberto Menia e il Presidente della Provincia, Maria Teresa Bassa Poropat. L’associazione, con la manifestazione, ha voluto celebrare ” un esempio di eccellenza e di spirito di servizio delle giovani generazioni e condividere con le istituzioni nazionali e locali il valore della patria con particolare riguardo alla propria mission istituzionale: fornire opportunità di crescita personale, professionale e sociale ai giovani di tutto il paese”.

RESTAURO DEL MONUMENTO AI MARTIRI NAPOLETANI NEL COMUNE DI NAPOLI

PROGRAMMA CELEBRAZIONI DEL 150° ANNIVERSARIO DELL’UNITA’ D’ITALIA.

“I LUOGHI DELLA MEMORIA”: RESTAURO DEL MONUMENTO AI MARTIRI NAPOLETANI NEL COMUNE DI NAPOLI

Poerio1CENNI STORICI

Collocato nella piazza San Pasquale a Chiaia e realizzato da Tommaso Solari (1877), raffigura il patriota, Ministro dell’Istruzione nel 1848; venne arrestato successivamente dai Borboni e condannato al carcere duro per un decennio. Poerio venne eletto in seguito deputato del Parlamento Subalpino, poco dopo l’Unità d’Italia terminò l’attività politica.

Iniziative del Senato della Repubblica in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia

Nell’ambito delle manifestazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia, il Senato della Repubblica ha organizzato una serie di attività formative rivolte ai giovani.

Tra queste iniziative, che hanno ottenuto il logo ufficiale delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, c’è il progetto “Vorrei una legge che…”, giunto alla sua terza edizione e rivolto agli alunni dell’ultima classe della scuola primaria, e quest’anno – per l’occasione – incentrato sul tema dell’Unità d’Italia.

Rientra nelle attività programmate dal Senato per questa ricorrenza, un concorso fotografico, “IMMAGINIamo l’Italia”, sul tema dei 150 anni e sull’articolo 4 della Costituzione, rivolto a tutti gli studenti iscritti alla piattaforma interattiva di E-workshop.

“Volontariato e mutua solidarietà in Italia – 150 anni di previdenza in Italia” convegno a Palazzo Vecchio, Firenze

Volontariato e mutua solidarietà in Italia

150 anni di previdenza in Italia

Firenze, Palazzo Vecchio

26 novembre 2010

Il convegno di studi organizzato dalla Fondazione di Studi Storici “Filippo Turati” in occasione del 150° anniversario dell’unità d’Italia in collaborazione con il Comune di Firenze si terrà venerdì 26 novembre 2010 presso la sede del Comune di Palazzo Vecchio. Parteciperanno all’incontro studiosi e professori delle maggiori università italiane per approfondire la storia e l’evoluzione della previdenza sociale in Italia all’indomani dell’unificazione, partendo dalle Società di Mutuo Soccorso di fine ‘800 fino ad arrivare ai servizi alla persona garantiti dalla giurisprudenza della Repubblica italiana.

I sessione 09:30

II sessione 14:30

Imbandieramento edifici e cerimonia alzabandiera del 17 marzo

Con circolare del 7 marzo 2011 il Dipartimento per il cerimoniale di Stato della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha dato disposizioni in merito all’imbandieramento degli edifici pubblici e alla cerimonia dell’alzabandiera.

Per onorare l’Alba dell’Italia, giovedì 17 marzo, alle ore 9.00, in tutti i Comuni avrà luogo la cerimonia dell’alzabandiera in concomitanza con la cerimonia, presieduta dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che avrà luogo a Roma all’Altare della Patria.

Sugli edifici pubblici potranno essere esposte le bandiere italiana ed europea, su quelli già quotidianamente imbandierati, potranno invece essere esposti ulteriori esemplari delle bandiere.

Uniti nell’arte: 150 anni di sperimentazione creativa

In occasione delle celebrazioni per i 150 Anni dell’Unità d’Italia, L’Istituto Italiano di Cultura di Praga diretto dal Dott. Paolo Sabbatini ospita la mostra “Uniti nell’arte: 150 anni di sperimentazione creativa”, curata dal mensile “Italia Arte” e dall’Associazione Culturale Galleria Folco. In esposizione alcuni capolavori del Novecento, a testimonianza delle diverse correnti e dei differenti stili maturati in ambito italiano ed europeo tra il XIX e XX secolo, una sezione dedicata ai principali maestri contemporanei italiani e un breve percorso documentale sulla storia risorgimentale dell’Unità d’Italia. Tra i maestri in mostra, Amedeo Modigliani, Pietro Annigoni, Raffaele De Grada, Gianni Dova, Orfeo Tamburi, Pinot Gallizio, Francesco Menzio, Piero Ruggeri, Sergio Saroni, Carol Rama, Giacomo Soffiantino, Francesco Tabusso, Alighiero Boetti, Ugo Nespolo, Antonio Nunziante e un’ampia selezione di importanti autori contemporanei.

Costituzione Italiana: Storia e Principali Articoli

La storia di ogni repubblica che si rispetti ha come base fondamentale la costituzione. La fonte principale di diritto della Repubblica Italiana ha una storia di molti anni ed ha delle basi fondamentali ed imprescindibili. Tutti noi appena pensiamo alla costituzione subito alla mente ci arriva il famoso primo articolo che dice: L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, e non solo perché abbiamo delle reminiscenze scolastiche, ma sappiamo bene che quella frase è alla base della nostra dignità di persone.

Cenni storici della costituzione italiana

L’inizio della costituzione avviene nel 1955, nonostante fosse da anni che si tentavano leggi costituzionali o simili senza la sua vera e propria attuazione. Per far si che le leggi che erano contenute al suo interno fossero rispettate nacque nel 1958 anche l’ordine dei magistrati per far si che ci sia un’ente preposto al controllo dei diritti ed al loro importante rispetto. La costituzione nasce per sancire delle regole in differenti campi come lavoro, famiglia e religione, con l’obbiettivo di rendere a tutti i propri diritti ma anche i doveri.