Spread Oggi: come Visualizzare il Valore dello Spread in Tempo Reale

Il termine spread fino a pochi anni fa era usato solo dagli addetti ai lavori, mentre oggi è diventato una parola di uso comune perché tutti sanno quale sia il suo significato e il suo scopo. Come ben sai anche tu se lo spread scende significa che ci sono segnali positivi, mentre ci si deve preoccupare quando il suo valore sale. Potrebbe però non essere così chiaro il suo funzionamento. Lo spread costituisce la differenza tra le obbligazioni statali italiane, i BTP a 10 anni, e le loro omologhe tedesche, i Bund. Tali titoli vengono emessi dagli Stati per poter avere liquidità per far fronte alle varie spese e a una certa scadenza i titolari vengono rimborsati dell’intero capitale maggiorato degli interessi.

Il calcolo degli interessi dipende soprattutto dalla solidità del Paese che stabilisce quindi la capacità di rimborso e il rischio. La situazione economica dello Stato può quindi portare gli interessi da corrispondere agli investitori a essere più o meno alti. L’affidabilità del Paese è determinante per il profitto del risparmiatore, se i conti non sono in ordine c’è maggiore rischio e quindi l’interesse applicato è più elevato. Se lo Stato non dovesse poter ripagare l’investitore alla scadenza il capitale verrebbe perso e questo definisce il rischio.

Quotazione e Prezzo Petrolio in Tempo Reale Oggi

Se ti sei sempre chiesto come funzioni l’andamento dei prezzi del petrolio, cercheremo ora di riassumerti una breve panoramica in proposito, focalizzando l’attenzione sulle quotazioni in base ai diversi tipi di greggio esistenti in commercio. Il petrolio è spesso l’ago della bilancia per la maggior parte delle borse mondiali, ed il suo prezzo è notevolmente importante, al punto da influire sul destino di interi paesi.

Il petrolio si differenza all’estrazione in base a tre fattori fondamentali, che sono la viscosità, la tossicità e la volatilità. Una viscosità densa complica l’estrazione, contribuendo in definitiva al rialzo del prezzo del petrolio. La volatilità misura la quantità di petrolio che si disperde nell’aria, contribuendo al rialzo del prezzo del greggio in modo direttamente proporzionale, per via delle operazioni necessarie ad evitare l’evaporazione. La tossicità infine misura il grado di pericolosità del petrolio in caso di diffusione accidentale nell’ambiente; in questo caso il prezzo del greggio aumenta se quest’ultimo è più ecologico.

Spread BTP Bund: Cos’è, Significato e quali Fattori lo Influenzano

Il differenziale riguardante gli interessi riconosciuti sui buoni statali viene chiamato spread. Lo spread BTP Bund indica quindi la differenza tra le quotazioni dei BTP, buoni italiani del tesoro a 10 anni, e i Bund, buoni tedeschi del tesoro decennali. Lo scopo dello spread è quello di indicare il rischio di uno Stato o al contrario la sua affidabilità. Come hai notato si tratta di titoli con le medesime caratteristiche, infatti per calcolare la differenza sul valore è necessario che si prendano in considerazione buoni statali con la stessa scadenza e con le stesse peculiarità nella composizione, ovvero l’essere titoli emessi dallo Stato per avere liquidità.

L’aspetto più importante che devi sapere è il dato sugli interessi. Infatti alla scadenza del buono lo Stato ripaga l’investitore restituendo il capitale maggiorato degli interessi valutati in base allo stato dell’economia del Paese e quindi alla sua capacità di restituire il denaro. Ti chiederai però come si calcoli lo spread e il motivo per cui nel tempo il suo valore varia. Per conoscere questi elementi devi sapere bene cosa sono i buoni e il loro funzionamento.

Friuladria Nowbanking: l’Home Banking di Banca Popolare FriulAdria

L’evidente radicamento su tutto il Friuli Venezia Giulia, e più in generale nell’Italia del Nord Est, è uno dei parametri fondamentali che caratterizza l’attività di Banca Popolare FriuliAdria, nato come istituto bancario locale, ma noto con altra denominazione: Banca Cooperativa Popolare di Pordenone.

In termini storici, Banca Popolare FriuliAdria ha attraversato la sua fase di splendore economico nel corso degli anni Sessanta, in quanto la crescita del PIL, anno dopo anno, era sempre maggiore. Bwgli anni Novanta, il gruppo bancario in oggetto è cresciuto molto per acquisizioni, come quella della Banca Popolare di Latisana, la Banca Popolare di Tarcento e la Banca Cooperativa Operaia di Pordenone. Dalle appena 20 filiali del 1989 si passò così alle 94 del 1998.

Assegno Circolare non Trasferibile, Compilazione, Incasso e Utilizzo dell’Assegno Circolare

E’ un dato di fatto che al giorno d’oggi, le carte di credito, i bancomat e gli strumenti digitali di ultima generazione abbiano rimpiazzato quasi del tutto l’assegno bancario. Tuttavia, vi è un eccezione, specie per i pagamenti di una somma economica importante: l’assegno circolare non trasferibile. All’interno di questo post, ti segnaleremo cos’è, come si compila, come incassare e come utilizzare l’assegno circolare non trasferibile.

Trattasi di un titolo di credito nominativo e formale che viene emesso dalla banca emittente che ti consente di pagare ad un destinatario un preciso importo di danaro. In estrema sintesi, trattasi di una promessa di pagamento che affinché vada in porto, necessita di fondi adeguati sul conto del mittente. In caso contrario, il pagamento viene rifiutato. Qual è la differenza con l’assegno bancario? Semplice. La maggiore sicurezza a favore dell’assegno circolare non trasferibile, dato che non viene rilasciato mediante i carnet e non appartiene al titolare del conto corrente. Inoltre, la presenza allo sportello del tuo istituto bancario sarà la conditio sine qua non per poter pagare, facendo apposita richiesta e optando per il versamento di soldi corrispondente all’importo desiderato che verrà incassato entro un arco di tempo limite pari a 30 giorni da quando è avvenuta l’emissione.

Bonifico Bancario: Cos’è e Come Farlo Online, Costi e Tempi Medi

Sicurezza e facilità nello spostamento dei soldi in modo virtuale e senza agire in alcun modo sulla movimentazione del denaro fisico, sono due delle principali caratteristiche che contraddistinguono in bonifico bancario, sia che venga effettuato online con l’home banking o presso lo sportello bancario. Nel suddetto articolo vedremo in rapida carrellata la definizione di bonifico bancario, come effettuarlo online, quanto costa e i tempi medi di accredito.

Cos’è il bonifico bancario?

Trattasi di un ordine di pagamento, dove l’ordinante dà alla sua banca il mandato di procedere al trasferimento di un determinato importo di denaro indirizzato al conto corrente di un beneficiario, dove non sono previsti limiti. Per ciò che concerne il conto corrente del destinatario, la banca può essere la stessa o differente, in Italia o all’estero. Ad effettuarlo, può essere sia una persona fisica che una giuridica, oltre ad una ragione sociale. Non è obbligatorio essere clienti di una determinata banca per procedere al versamento, visto che possono eseguirlo anche i non clienti. Basta recarsi allo sportello ed avere un documento d’identità ed i contanti da indicare poi in cifre e in numeri.

Libretto Postale: Interessi, Rendimenti, Tipologie e Come Aprirne Uno

Il prodotto più noto di Poste Italiane ha quasi un secolo e mezzo di vita. Poste Italiane ha tra i suoi prodotti di punta il Libretto Postale, la cui origine storica è datata 1875. In 143 anni, molto è cambiato, al punto che, oltre alla tradizionale versione cartacea, vi è anche quella online, il cui funzionamento non si discosta poi più di tanto da quella classica. Sono in molti depositano i risparmi, versando di volta in volta determinati importi di denaro, in modo da veder incrementare quanto è stato accumulato per via degli interessi. Tieni conto che con il Libretto Ordinario, tutti i tuoi risparmi sono al sicuro, visto che il risparmio è gestito dallo Stato Italiano.

La versione digitale del Libretto Postale

La dematerializzazione rende il prodotto di Poste Italiane ancora più evoluto. Nella circostanza in cui fossi intenzionato ad aprire la versione dematerializzata del Libretto Postale, per le tue operazioni potrai tranquillamente fare a meno della versione cartacea, dato che riscuoterai tutti i bonifici sulla versione ordinaria che è al tempo stesso cartacea e digitale. Ti basterà associare il tuo conto corrente bancario nell’ufficio postale e potrai subito ricevere i versamenti bancari. Naturalmente, sia sulla versione in formato cartaceo che su quella dematerializzata.

Antica cartografia d’Italia

ANTICA CARTOGRAFIA D’ITALIA

mostra promossa da Provincia di Milano/Assessorato alla Cultura in collaborazione con Associazione culturale “Giovane Europa”

Biblioteca Isimbardi, Via Vivaio 1, Milano

dal 25 novembre 2011 al 10 gennaio 2012

orari: lunedì-giovedì 10/16, venerdì 10/13

chiuso sabato e festivi e il 9 dicembre

ingresso libero

inaugurazione venerdì 25 novembre, ore 18

Le Donne del Risorgimento

Peppa a’ Cannunera ovvero Giuseppa Bolognani
Giuseppa Bolognani – questo il suo vero nome, anche se per i catanesi rimase sempre “Peppa, ‘a cannunèra” – nasce in Sicilia, a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.

cairoli

Adelaide Cairoli
Adelaide Cairoli nacque a Bono, vicino Milano, il 5 maggio del 1806. Madre dei fratelli Cairoli, oggi è considerata un modello di “madre della nazione”. Una donna cioè capace di incarnare e diffondere l’intelletto femminile e i valori della Patria nell’Italia del Ventesimo secolo.

Maffei

Clara Maffei
Elena Chiara Maria Antonia Carrara Spinelli, o più semplicemente Clara, nasce a Bergamo il 13 Marzo 1814. Nel marzo del 1832 sposa il giovane poeta Andrea Maffei, conosciuto tramite il padre.

masanello1

Antonia Masanello
La storia vorrebbe che l’unica donna presente nell’elenco ufficiale dei Mille, stilato dal ministero della Guerra e pubblicato sul Giornale Militare nel 1864, sia stata Rosalie Montmasson.

Argento 925: Cos’è, Valore e Quotazione

L’argento 925 viene chiamato anche argento sterlina, argento sterling e sterling silver. Si tratta della lega d’argento che contiene la più alta percentuale di metallo prezioso: infatti prevede l’aggiunta di una piccola quantità di rame, pari al 7,5%. Invece la parte restante è rappresentata dall’argento. Si aggiunge il rame in quanto i metalli preziosi sono troppo duttili per poter essere impiegati nella quotidianità senza subire danni a causa dell’uso e quindi devono essere resi più resistenti e duraturi.

Questo titolo è uno dei più diffusi e apprezzati per la creazione di gioielli e oggetti preziosi. Infatti bisogna tenere a mente che maggiore è la quantità di materiali leganti e minore è la lucentezza dell’argento. Queste percentuali garantiscono la facile lavorazione del metallo, lo proteggono dai danneggiamenti e ne preservano il pregio e la bellezza.

Quotazione Oro Oggi in Tempo Reale

L’oro è senza dubbio uno dei metalli più preziosi in circolazione e da sempre rappresenta un ottimo investimento. L’oro è uno dei più importanti beni rifugio (beni che non svalutano mai il loro valore intrinseco), perché è raro e perché può essere adoperato in molti modi, diversi tra loro. A differenza di molti altri investimenti finanziari, decidere di investire una somma di denaro sull’oro, risulta essere un’operzione finanziaria che garantisce una notevole sicurezza.

Come viene fatta la valutazione dell’oro: il fixing

La quotazione dell’oro e il prezzo dell’oro sono due diversi valori che non vanno confusi. Il prezzo è il valore a cui è possibile acquistare l’oro sul mercato. Tuttavia, occorre specificare che il prezzo subisce l’influenza delle quotazioni, che a loro volta sono determinate dal fixing. Il fixing nasce, dopo la Prima Guerra Mondiale, con il preciso intento di far “ripartire” il valore dei metalli preziosi (oro e argento).

Bonifico SEPA: Cos’è e Significato, Tempistiche per Italia ed Estero

Il Bonifico SEPA, Single Euro Payment Area, è uno strumento di tipo finanziario grazie al quale tutti i soggetti che ne fanno parte possono ricevere ed effettuare pagamenti in euro. Dal 1 Febbraio 2014 esso è diventato lo strumento di pagamento ufficiale che viene utilizzato dalla persone fisiche, giuridiche e pubbliche amministrazioni per ricevere e fare pagamento in Euro per tutti i Paesi che ne fanno parte. Attualmente i Paesi che adottano il sistema SEPA sono 34. Oltre i 19 Paesi che adottano l’Euro vi fanno parte i 9 Paesi che fanno parte dell’Unione Europea senza adottare l’Euro ed altri 6 Paesi che non fanno parte dell’Unione (Svizzera, Liechtenstein, Norvegia, Islanda, Principato di Monaco e San Marino).

Codice Bic Swift della Banca: dove Trovarlo e Funzioni

Quando si parla di Codice Bic SWIFT, ci si riferisce a quella combinazione alfanumerica che determina tutta una serie di informazioni nel momento in cui decidi di effettuare un bonifico o quando ricevi un versamento sul tuo conto corrente, verso destinatari o da mittenti che utilizzano valuta differente dall’euro. Se perciò dovessi fare un bonifico ad un destinatario dell’area Euro, ti basta solo l’IBAN. Nel caso in cui dovessi fare un bonifico ad un destinatario di un Paese al di fuori dell’area Euro, oltre all’IBAN, ti serve anche il Codice Bic Swift. E lo stesso discorso è valevole, quando devi incassare i soldi di un versamento. Il Codice Bic Swift, ti serve se il mittente, non fa parte dell’area Euro

Nello specifico, nella circostanza in cui i caratteri fossero 11, sono i primi 4 a rappresentare la banca. Gli altri 2 successivi si riferiscono alla città di ubicazione dell’istituto bancario. Per ciò che concerne gli ultimi 2, ti basti sapere che si riferiscono alla sede della banca. Se invece i caratteri sono xxx, stanno a rappresentare la sede della banca. Nel caso in cui i caratteri fossero 8, significa che il bonifico è indirizzato alla sede centrale.

500 Lire Argento: Valore e Quotazione Attuale

Obiettivo di questo post, focalizzato sulla 500 lire argento, è quello di far conoscere a te che hai il pallino della numismatica, qual è il valore e qual è la quotazione attuale di questa moneta italiana che è stata coniata dal 1958 al 1967. Questo è stato il primo conio a cui è susseguito quello avvenuto a cavallo del 1982 e del 2001, a ridosso del debutto dell’euro: in questa occasione sono state coniate le 500 lire bimetalliche per via dell’aggiunta del bronzo. Oltre a questi due coni, sono state emesse 500 lire argento sono state emesse appositamente per i collezionisti.

Ad incidere sul valore delle 500 lire argento vi sono diversi parametri. Fra questi è doveroso citare, in ordine di importanza, la rarità, l’anno in cui è avvenuto il conio, la tiratura ed infine il loro stato di conservazione. In linea di massima, ci limitiamo a dire che, fatte poche e dovute eccezioni, le 500 lire non sono monete particolarmente rare.

APE Beniculturali: Certificazione e Attestato di Prestazione Energetica Apebeniculturali

L’Attestazione della Prestazione Energetica (APE) individua le operazioni e i parametri che corrispondono alle direttive in merito alle prestazioni energetiche di uno stabile, in conformità alla legge n. 90 del 2013. Di fatto sostituisce la vecchia ACE (Attestazione di Certificazione Energetica), in vigore fino al 2005 e ne implementa i dettagli, prevedendo anche gli eventuali lavori che potrebbero apportare una ulteriore ottimizzazione dell’abitazione.

La classificazione energetica consiste nel quantitativo annuo reale o presunto di energia che un immobile richiede, tenendo conto della climatizzazione dei locali, la produzione di acqua sanitaria, la ventilazione, l’illuminazione ed aventuali ascensori o altri apparati elettrici.

Garibaldi sulle alture di Sant’Angelo a Capua – G. Induno

Datata 1861, la tela, realizzata ad un anno dalla vittoriosa campagna garibaldina nel sud d’Italia, appartiene all’ampia serie di dipinti dedicati da Gerolamo Induno all’esaltante epopea del condottiero, ripercorsa dall’artista, attento cronista dei fatti contemporanei, in numerosissime versioni, oscillanti tra lo scrupoloso resoconto bellico-cronachistico e la commossa rievocazione eroica.

Garibaldi è qui ritratto in atteggiamento assorto, con lo sguardo rivolto verso un orizzonte ampio e aperto ai suoi piedi, privo di precisi riferimenti ambientali, non fosse per il nome della località, tracciata su una roccia, che ambienta la scarna ma suggestiva scena sulle alture di Sant’Angelo, vicino a Capua; fu questa zona, tratteggiata con un respiro che sottintende all’epica grandezza della vicenda garibaldina, teatro di una delle vittorie più grandi e clamorose di Garibaldi, riportata sulle rive di quel Volturno che placidamente attraversa la piatta ed estesa pianura sullo sfondo. Il predominio del dato paesaggistico e l’atteggiamento spontaneo e tuttaltro che ufficiale, tuttavia di grande carisma, dell’eroe ritratto in un momento di intima riflessione ma ugualmente solenne nell’atteggiamento disinvolto e sicuro, distanziano la rappresentazione dal genere storico in senso stretto, riducendo tanto gli aspetti documentari della pittura militare quanto quelli celebrativi, consapevolmente rinnegati dall’artista anche grazie all’utilizzo di un formato ridotto.

Giovani talenti d’Italia

Trieste – Palazzo del Governo

16 aprile 2011

“Giovani talenti d’Italia” è il titolo della manifestazione tenutasi il 16 aprile scorso nei saloni della Prefettura di Trieste con la quale sei giovani italiani, che si sono distinti nelle aree della cultura, della ricerca e dell’innovazione, del business, del volontariato e della crescita personale sono stati premiati dalla Junior Chamber Italiana (JCI Italy), con i premi TOYP (The Outstanding Young Person) e BBP (Best Business Plan), i massimi riconoscimenti dell’associazione.

L’evento, organizzato nell’ambito delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, con il patrocinio della Prefettura di Trieste, della locale Camera di Commercio e del Comune di Trieste, si è svolto alla presenza delle massime autorità locali. Ospiti del Prefetto Alessandro Giacchetti, tra gli altri, i deputati Ettore Rosato e Roberto Menia e il Presidente della Provincia, Maria Teresa Bassa Poropat. L’associazione, con la manifestazione, ha voluto celebrare ” un esempio di eccellenza e di spirito di servizio delle giovani generazioni e condividere con le istituzioni nazionali e locali il valore della patria con particolare riguardo alla propria mission istituzionale: fornire opportunità di crescita personale, professionale e sociale ai giovani di tutto il paese”.

RESTAURO DEL MONUMENTO AI MARTIRI NAPOLETANI NEL COMUNE DI NAPOLI

PROGRAMMA CELEBRAZIONI DEL 150° ANNIVERSARIO DELL’UNITA’ D’ITALIA.

“I LUOGHI DELLA MEMORIA”: RESTAURO DEL MONUMENTO AI MARTIRI NAPOLETANI NEL COMUNE DI NAPOLI

Poerio1CENNI STORICI

Collocato nella piazza San Pasquale a Chiaia e realizzato da Tommaso Solari (1877), raffigura il patriota, Ministro dell’Istruzione nel 1848; venne arrestato successivamente dai Borboni e condannato al carcere duro per un decennio. Poerio venne eletto in seguito deputato del Parlamento Subalpino, poco dopo l’Unità d’Italia terminò l’attività politica.

Iniziative del Senato della Repubblica in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia

Nell’ambito delle manifestazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia, il Senato della Repubblica ha organizzato una serie di attività formative rivolte ai giovani.

Tra queste iniziative, che hanno ottenuto il logo ufficiale delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, c’è il progetto “Vorrei una legge che…”, giunto alla sua terza edizione e rivolto agli alunni dell’ultima classe della scuola primaria, e quest’anno – per l’occasione – incentrato sul tema dell’Unità d’Italia.

Rientra nelle attività programmate dal Senato per questa ricorrenza, un concorso fotografico, “IMMAGINIamo l’Italia”, sul tema dei 150 anni e sull’articolo 4 della Costituzione, rivolto a tutti gli studenti iscritti alla piattaforma interattiva di E-workshop.

“Volontariato e mutua solidarietà in Italia – 150 anni di previdenza in Italia” convegno a Palazzo Vecchio, Firenze

Volontariato e mutua solidarietà in Italia

150 anni di previdenza in Italia

Firenze, Palazzo Vecchio

26 novembre 2010

Il convegno di studi organizzato dalla Fondazione di Studi Storici “Filippo Turati” in occasione del 150° anniversario dell’unità d’Italia in collaborazione con il Comune di Firenze si terrà venerdì 26 novembre 2010 presso la sede del Comune di Palazzo Vecchio. Parteciperanno all’incontro studiosi e professori delle maggiori università italiane per approfondire la storia e l’evoluzione della previdenza sociale in Italia all’indomani dell’unificazione, partendo dalle Società di Mutuo Soccorso di fine ‘800 fino ad arrivare ai servizi alla persona garantiti dalla giurisprudenza della Repubblica italiana.

I sessione 09:30

II sessione 14:30

Imbandieramento edifici e cerimonia alzabandiera del 17 marzo

Con circolare del 7 marzo 2011 il Dipartimento per il cerimoniale di Stato della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha dato disposizioni in merito all’imbandieramento degli edifici pubblici e alla cerimonia dell’alzabandiera.

Per onorare l’Alba dell’Italia, giovedì 17 marzo, alle ore 9.00, in tutti i Comuni avrà luogo la cerimonia dell’alzabandiera in concomitanza con la cerimonia, presieduta dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che avrà luogo a Roma all’Altare della Patria.

Sugli edifici pubblici potranno essere esposte le bandiere italiana ed europea, su quelli già quotidianamente imbandierati, potranno invece essere esposti ulteriori esemplari delle bandiere.

Uniti nell’arte: 150 anni di sperimentazione creativa

In occasione delle celebrazioni per i 150 Anni dell’Unità d’Italia, L’Istituto Italiano di Cultura di Praga diretto dal Dott. Paolo Sabbatini ospita la mostra “Uniti nell’arte: 150 anni di sperimentazione creativa”, curata dal mensile “Italia Arte” e dall’Associazione Culturale Galleria Folco. In esposizione alcuni capolavori del Novecento, a testimonianza delle diverse correnti e dei differenti stili maturati in ambito italiano ed europeo tra il XIX e XX secolo, una sezione dedicata ai principali maestri contemporanei italiani e un breve percorso documentale sulla storia risorgimentale dell’Unità d’Italia. Tra i maestri in mostra, Amedeo Modigliani, Pietro Annigoni, Raffaele De Grada, Gianni Dova, Orfeo Tamburi, Pinot Gallizio, Francesco Menzio, Piero Ruggeri, Sergio Saroni, Carol Rama, Giacomo Soffiantino, Francesco Tabusso, Alighiero Boetti, Ugo Nespolo, Antonio Nunziante e un’ampia selezione di importanti autori contemporanei.

Borsa Italiana Oggi in Tempo Reale

Chi svolge delle operazioni nel mondo della borsa e intende effettuare le varie operazioni in maniera corretta, potrà affidarsi ad alcuni portali online che consentono di rimanere sempre aggiornati sulla borsa italiana in tempo reale. Ecco quali sono i vari siti sui quali si deve necessariamente puntare.

Il Sole 24 Ore Finanza

Come primo portale dedicato interamente alla borsa italiana in tempo reale occorre parlare del sito web de Il Sole 24 Ore Finanza. Questa piattaforma ha dedicato una sezione interamente a questo tipo di informazioni, garantendo un aggiornamento costante dedicato interamente alle diverse borse italiane. Nella home page potrai notare come gli indici maggiormente importanti vengono costantemente aggiornati e inoltre si avrà l’opportunità di accedere alla funzione di ricerca.

Monete Rare Italiane: Quali sono e Quanto Valgono

La quantità degli esemplari coniati di una moneta in un determinato anno è il primo criterio che consente di terminarne la rarità; la produzione di un medesimo taglio difatti può variare di anno in anno anche in modo considerevole. A tale parametro di valutazione vanno comunque affiancati altri fattori che potremmo definire circostanziali poiché dipendono da particolari contingenze storiche: in determinate situazioni le zecche hanno la possibilità o di ritirare del tutto dalla circolazione un certo quantitativo di monete o di usare una parte di quelle già coniate per un’ulteriore rifusione. In entrambi i casi il numero di pezzi originariamente coniati può diminuire drasticamente, rendendo rara una moneta che inizialmente non lo era.

Il secondo fattore che, indipendentemente dall’anno di coniazione, rende estremamente rari alcuni esemplari sono i difetti o le varianti derivanti da un errore o progettuale del modello o esecutivo all’atto della stessa coniazione, errore che porta alla riproduzione di monete che, immesse sul mercato con immagini sbagliate o non rispondenti alle intenzioni progettuali, vengono assai presto accaparrate soprattutto dai collezionisti divenendo sempre più difficilmente reperibili. Egualmente rilevante è l’esiguo numero delle monete coniate con impressa la scritta PROVA.

Situazione Economica Italiana: le previsioni di crescita per il 2018

In attesa della nuove raccomandazioni UE in arrivo il prossimo 23 Maggio, guardiamo insieme quali sono le prospettive di crescita del nostro paese che, come per tutta l’Eurozona, ha previsioni positive anche se come fanalino di coda dei paesi UE. All’inizio dell’anno Il Fondo Monetario Internazionale ha stimato per noi una crescita del Prodotto Interno Lordo del 1,4%, ma ad Aprile ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita per l’Italia aumentandole di 0,1 punti percentuali andando ad equivalere la crescita del 2017 del 1,5%, anche grazie alle favorevoli condizioni esterne. Considerando le previsioni fatte lo scorso anno ad Ottobre dallo stesso istituto, i numeri sono cresciuti dello 0,4%, come previsto dall’ultimo aggiornamento del Def (Documento di Economia e Finanza) presentato a settembre 2017, dimostrando un forte trend di crescita in Italia, come negli altri paesi Europei.

Proprio questa crescita costante anche negli altri paesi ci ha relegato però all’ultimo posto tra i componenti dell’Unione per prospettive di crescita sia per quest’anno sia per il 2019, secondi anche alla Grecia che ha una previsione di crescita superiore al 2%, in considerazione del fatto che le condizioni esterne andranno ad essere via via meno favorevoli, come per esempio la politica monetaria Europea che entro il 2020 andrà a dimininuire il proprio sostegno all’Italia e ad altri paesi in crescita.

Traghetti per le vacanze in Sardegna: organizzazione e prenotazioni

Le vacanze in Sardegna sono le più ambite, non solo per andare alla scoperta di quest’isola meravigliosa, delle sue spiagge e mare cristallino, ma anche per conoscere una storia antica ed assaporare piatti tradizionali che hanno aroma di mirto, liquirizia e macchia mediterranea. Per raggiungere la Sardegna è bene avvalersi ai traghetti, al fine di poter avere il proprio mezzo di trasporto con se e girare l’isola in totale comodità. Ma come fare per prenotare ed organizzare il viaggio in traghetto? Scopriamolo insieme.

Traghetti per le vacanze in Sardegna: le migliori compagnie di navigazione

I traghetti Sardegna sono molteplici e aumentano le loro rotte e traffico soprattutto durante il periodo estivo, al fine di poter accontentare molte più famiglie. Le migliori compagnie di navigazione offrono ai propri clienti numerosi vantaggi e soluzioni differenti, che vanno incontro alle esigenze di famiglie, coppie, gruppo di amici o singola persona. Le compagnie di navigazione per le vacanze in Sardegna, più conosciute ed apprezzate si possono scegliere anche in base ai porti di partenza e arrivo.

Grandi Navi Veloci

I porti di arrivo e partenza sono:

  • Genova – Porto Torres e viceversa
  • Genova – Olbia e viceversa

Costituzione Italiana: Storia e Principali Articoli

La storia di ogni repubblica che si rispetti ha come base fondamentale la costituzione. La fonte principale di diritto della Repubblica Italiana ha una storia di molti anni ed ha delle basi fondamentali ed imprescindibili. Tutti noi appena pensiamo alla costituzione subito alla mente ci arriva il famoso primo articolo che dice: L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, e non solo perché abbiamo delle reminiscenze scolastiche, ma sappiamo bene che quella frase è alla base della nostra dignità di persone.

Cenni storici della costituzione italiana

L’inizio della costituzione avviene nel 1955, nonostante fosse da anni che si tentavano leggi costituzionali o simili senza la sua vera e propria attuazione. Per far si che le leggi che erano contenute al suo interno fossero rispettate nacque nel 1958 anche l’ordine dei magistrati per far si che ci sia un’ente preposto al controllo dei diritti ed al loro importante rispetto. La costituzione nasce per sancire delle regole in differenti campi come lavoro, famiglia e religione, con l’obbiettivo di rendere a tutti i propri diritti ma anche i doveri.

Senato della Repubblica: Ruolo e Funzioni

Il Senato della Repubblica Italiana in base alla nostra Costituzione ed alle modifiche introdotte dalle leggi costituzionali del 9 febbraio del 1963 e del 27 dicembre del 1963, viene eletto a suffragio universale diretto dagli elettori che abbiano compiuto il venticinquesimo anno di età, ha durata di cinque anni e gode di perfetta parità rispetto alla Camera (bicameralismo puro) sia per ciò che riguarda il procedimento di formazione di qualsiasi tipo di legge sia per quanto riguarda la votazione della fiducia al Governo. I Governi per la loro esposizione programmatica devono dare la precedenza alternativamente alla Camera dei Deputati ed al Senato e la sfiducia votata da quest’ultimo determina le immediate dimissioni del Gabinetto in qualsiasi momento. Le funzioni istituzionali del Senato, portate avanti di concerto con la Camera si esplicano nel controllo politico del Governo e nella funzione legislativa.

La Composizione del Parlamento Italiano Eletto nel 2018

Il 4 Marzo 2018, vi sono state le elezioni politiche italiane, quindi gli italiani sono stati chiamati alle urne per esprimere il loro voto con l’intento di eleggere il partito che secondo loro può governare lo stato italiano. La legge elettorale che è stata utilizzata per fare tutto ciò è stata il “Rosatellum”, che per la prima volta è stata applicata per le elezioni politiche italiane. Contrariamente a quello che si pensava il 73% degli italiani e non solo è andata a votare. Si cercherà quindi di riportare la composizione del parlamento italiano che è stato eletto pochi mesi fa, facendo così iniziare la XVIII legislatura.

Venezia Lido: realizzazione del nuovo palazzo del cinema e dei congressi

Il nuovo Palazzo del Cinema dei Congressi nasce da un concorso internazionale d’idee, rivelandosi un opera d’importanza strategica non solo per la città di Venezia ma per l’intero paese. Stato, Regione e Comune hanno approvato il progetto puntando così al rilancio socio-economico e alla valorizzazione dell’isola del lido e dell’intera città di Venezia.

Il Nuovo Palazzo del Cinema e dei Congressi si colloca in un ampio scenario che prevede il rilancio delle aree interessate all’intervento attraverso spazi e attività d’eccellenza e interventi di riqualificazione del lungo mare.

L’obiettivo principale è la costruzione di un sistema (sale per proiezioni, locali tecnici, luoghi di incontro anche per la popolazione residente, collegamenti con le strutture esistenti) che riesca a garantire la funzionalità del polo del cinema e dei congressi e contestualmente sia in grado di potenziare le infrastrutture turistiche, ludiche e anche mediatiche del Lido.

Reggio Calabria – Museo Archeologico Nazionale

Il Museo Nazionale di Reggio Calabria è uno dei più importanti musei archeologici d’Italia, offre ai visitatori splendide testimonianze della civiltà della Magna Grecia emerse in scavi e ricerche effettuati in Calabria in più di cento anni, nonché i noti Bronzi di Riace.

Il Museo noto anche come “Palazzo Piacentini”, dal nome dell’architetto che l’ha progettato, Marcello Piacentini, o più propriamente “Museo Nazionale della Magna Grecia”, è localizzato nella storica Piazza De Nava, progettata alla fine degli anni venti, sulla quale convergono le principali strade generatrici del centro storico di Reggio Calabria.

L’edificio è caratterizzato da un volume massiccio che ne sottolinea la monumentalità, ed è costituito da un basamento bugnato in pietra lavica dove si alternano i grandi pilastri sporgenti in travertino e le ampie finestre delle sale espositive.

Il Museo, nelle condizioni precedenti all’intervento in essere, non poteva svolgere appieno la funzione di attrattore culturale, collocandosi ben al di sotto di qualsiasi standard funzionale e di qualità tecnico-impiantistica museale.

La nuova struttura ottempera alle esigenze di un sistema museale complesso, progettato in base ai più moderni standard internazionali, in termini di allestimenti, multimedialità, interattività e aree espositive.

Questo intervento di ristrutturazione del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria rappresenta un modello di riqualificazione architettonica di un edificio storico, riconosciuto tra i più illustri esempi dell’architettura moderna razionalista italiana, nota nel mondo, nel quale l’uso del linguaggio espressivo dell’architettura contemporanea e il livello qualitativo e prestazionale dell’intervento di consolidamento strutturale e di adeguamento impiantistico e tecnologico dialogano, interagiscono e si integrano con l’involucro edilizio originario, esaltandone la qualità architettonica e mantenendo inalterata la cifra stilistica di compostezza, solidità e imponenza che ne caratterizza il tratto originario.

I lavori di restauro del Museo Archeologico Nazionale comprendono il restauro delle facciate, esterne e interne, con il ripristino di tutte le aperture originali murate in passato, il consolidamento strutturale di tutto l’edificio, la ristrutturazione completa dei tre piani espositivi, nel rispetto della definizione degli spazi così come concepiti dall’Arch. Marcello Piacentini e comprensiva di adeguamento tecnologico e integrazione impiantistica per offrire il maggior comfort termoigrometrico per i reperti esposti e per i visitatori, il riutilizzo dei piani seminterrato e interrato da adibire a depositi, locali tecnici, laboratori e archivi, liberando per funzioni più nobili importanti settori del Museo, la rivisitazione e l’integrazione dei collegamenti verticali, l’integrazione di tutti i servizi necessari al personale e al pubblico e la realizzazione di un nuovo spazio di ristorazione collocato in sommità dell’edificio.

Catanzaro – Monumento a Francesco Stocco

Il monumento celebrativo di Francesco Stocco, fervente patriota e fedelissimo del generale Garibaldi con il quale, imbarcatosi a Quarto, combattè a Calatafimi e poi in Calabria, sorge nel centro storico cittadino.

Fu commissionato dall’ Amministrazione Provinciale di Catanzaro allo scultore calabrese Giuseppe Scerbo ( 1844 – 1908) di formazione napoletana, autore di numerosi monumenti di analogo soggetto (Acri – Monumento a Battista Falcone) e di opere di soggetto religioso.

Francesco Stocco è raffigurato in abito borghese, col cappello a cencio ad alta cupola e a larghe tese, gli stivali alla scudiera, in atteggiamento quasi di sfida; unico rimando al suo ruolo di condottiero la sciabola. La figura dell’eroe risulta saldamente impostata nello spazio cui lo studiato contrapposto del braccio sinistro, che avvicina al petto il pugno chiuso nell’atto di stracciare un documento, e il volgere del capo dallo sguardo intenso e quasi intento a scrutare il futuro, suggerisce un movimento ricco di carica espressiva. Si tratta, probabilmente, del riferimento all’episodio che lo vide con decisione, al momento della partenza da Quarto con Garibaldi, stracciare il foglio con il quale si avvertiva il Generale che l’insurrezione in Sicilia era domata e solo Marsala resisteva, per rompere ogni indugio alla spedizione che avrebbe condotto i Mille nell’isola.

Venezia – Monumento Nazionale a Daniele Manin

Per celebrare degnamente il grande patriota Daniele Manin (Venezia 1804 – Parigi 1857), eletto a simbolo della resistenza veneziana del 1848, la municipalità ritenne già nel 1866 di erigere un solenne monumento in suo onore.

Venne bandito un concorso per la scelta del progetto migliore, aperto a cittadini italiani e stranieri, che onorasse “per mezzo di una statua situata su un piedestallo ornato di bassorilievi o di altre ornamentazioni, il grande cittadino in piedi nel suo costume abituale”

La prima scelta cadde su Vincenzo Vela (1820-1891), scalpellino ticinese, distintosi per il suo impegno di combattente nelle Cinque Giornate di Milano e autore di numerosi monumenti, ma a seguito di numerose critiche decise di rinunciarvi, facendo ricadere la scelta su Luigi Borro, artista accademico, che si era distinto nell’ambito dell’eclettismo lagunare per il recupero di un classicismo di stampo lombardesco.  Borro firmò il contratto per il monumento a Manin il 17 settembre 1872, impegnandosi a compiere il lavoro entro quattro anni. L’opera, consegnata con largo anticipo rispetto ai termini contrattuali, fu inaugurata il 22 marzo 1875.

Torino: realizzazione Nuovo Parco Dora – Spina 3

Nel 1998 il Comune di Torino diede avvio ad un Programma di Riqualificazione Urbana con l’obiettivo di trasformare l’ex area industriale Spina 3 in un parco di circa 40 ettari, che sfruttasse le qualità del paesaggio e donasse una nuova identità al quartiere già in forte crescita. Il territorio è infatti una delle superfici più estese e compatte della città, e già alla fine del XVIII secolo numerose industrie vi si erano insediate, favorite dalla vicinanza del fiume Dora e dalla presenza di numerosi piccoli canali. L’espansione industriale proseguì in maniera massiccia nella metà del secolo successivo allorché vi si insediarono le maggiori ditte torinesi (Ferrovie Piemontesi, Complesso Michelin, Acciaierie Vitali, Stabilimento Ingest).

La nazione del Risorgimento

Il Risorgimento fu la rinascita della nazione italiana, l’epopea di una  comunità oppressa che, finalmente, si risvegliava e rivendicava i propri diritti.

“La nazione del Risorgimento” ricostruisce i meccanismi attraverso i quali un pugno di intellettuali di inizio ottocento narrò la nazione; descrive i simboli, le immagini, le figure e i valori che essi ricorsero per sollecitare la militanza patriottica; esamina la ricezione dei loro testi da parte di coloro che aderirono al movimento risorgimentale; cerca insomma, di spiegare perché giovani e agiati signori decisero di farsi patrioti, rischiando la prigione, l’esilio, la vita.

RESTAURO DEL MONUMENTO OBELISCO DEDICATO AI MARTIRI DELL’INDIPENDENZA ITALIANA NEL COMUNE DI PALERMO

L’intervento è stato finalizzato al restauro del Monumento Obelisco dedicato ai Martiri dell’indipendenza Italiana collocato nell’omonima piazza al centro di un pubblico giardino nel Comune di Palermo.

L’intervento rientra nel programma “I Luoghi della Memoria”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito delle Celebrazioni previste per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Mostra risorgimentale presso la Caserma De Cristoforis

Per festeggiare i 150 anni di unità d’Italia il Colonnello Mario Pietrangeli, Comandante della Caserma De Cristoforis, Centro Documentale Como (ex Distretto Militare), con la partecipazione dell’Archivio di Stato di Como, del Museo Didattico della Seta, dell’Istituto Comasco di Storia Contemporanea, dell’Istituto Nastro Azzurro di Sondrio e del maestro comasco Alessandro Berra, presenta una mostra dedicata al Risorgimento allestita presso gli spazi della Caserma di Piazzale Montesanto 2 a Como.

Una mostra, quella sul Capitano De Cristoforis, rappresentata da 68 stampe che ripercorrono la sua vita, affiancate da 18 pannelli celebrativi delle Guerre d’Indipendenza fornite dall’Archivio di Stato. Altri lavori relativi l’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia faranno da cornice alla scena, forniti dal Museo Didattico della Seta e dagli altri due Istituti citati qui sopra. Inoltre saranno esposti dal noto pittore comasco Alessandro Berra, numerosi quadri che riguardano la vita degli italiani  in questi 150 anni: i giochi dei bambini, la famiglia, Garibaldi, il Lavoro.

1861. I Pittori del Risorgimento

In occasione dell’appuntamento con le celebrazioni dell’unità d’Italia, le Scuderie del Quirinale presentano una grande mostra che racconta come la pittura italiana ha illustrato e interpretato gli eventi che, tra il 1859 e il 1861, hanno reso possibile la conquista dell’indipendenza e dell’unità nazionale.

La mostra evidenzia come i protagonisti della pittura italiana – esponenti della scuola lombarda quali Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Domenico e Gerolamo Induno, Eleuterio Pagliano, Federico Faruffini, dell’avanguardia macchiaiola toscana come Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Odoardo Borrani e della scuola napoletana come Michele Cammarano e Giuseppe Sciuti – abbiano reinterpretato la realtà storica  di quegli anni preferendo una commossa rappresentazione dell’adesione popolare rispetto a una celebrazione più tradizionale e retorica. Saranno messi a confronto per la prima volta, i monumentali dipinti di Giovanni Fattori e Gerolamo Induno, per mostrare come entrambi gli artisti, con linguaggi diversi, hanno ottenuto lo stesso obiettivo: rappresentare le fondamentali battaglie per la conquista dell’unità spostando l’attenzione dagli aspetti militari e celebrativi a quelli ideali e popolari.

Il Centro Espositivo informativo sul 150º dell’Unità d’Italia

Nel 2011 ricorre il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia. Celebrare, dopo 150 anni, la proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, è un’occasione per tenere alta la percezione della nazione, rendendo al contempo omaggio a tutti i personaggi che hanno dato lustro alla nostra storia.
I precedenti appuntamenti, in occasione del cinquantenario (1911) e del centenario (1961), rappresentarono due eventi di eccezionale importanza per la vita sociale, culturale e per lo sviluppo urbanistico della Nazione, un momento di grande crescita civile, culturale ed economica.

Il 1911 fu imperniato sull’Esposizione Internazionale di Torino sul lavoro e l’industria; a Roma, sull’Esposizione di Valle Giulia e su rilevanti trasformazioni urbane volte o farne una moderna Capitale: l’inaugurazione del Vittoriano (ma ancora senza statue), della Galleria Nazionale d’Arte Moderna, del Palazzo di Giustizia, del Palazzo delle Esposizioni, di tre ponti sul Tevere, di importanti sistemazioni archeologiche.

Collezioni d’arte e fotografia artistica nell’Italia del Risorgimento

 

«Parallelamente alle vicende politiche e militari, che accompagnarono la creazione dell’unità nazionale, corre una atteggiamento di particolare attenzione verso la conoscenza dell’Italia dal punto di vista artistico e paesaggistico. Si vuole rappresentare il paese per farlo conoscere attraverso le sue specifiche peculiarità: si eseguono vedute di città e di paesaggio, secondo la consuetudine consolidata dai Grand Tour ma, lentamente, si iniziano anche a fotografare monumenti e dipinti, collezioni d’arte e musei.» (Marco Pizzo)

L’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano – Museo Centale del Risorgimento in collaborazione con l’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione-Fototeca Nazionale e l’Istituto di Cultura di Grenoble, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, presentano la mostra “Collezioni d’arte e fotografia artistica nell’Italia del Risogimento”, curata da Paola Callegari, Sandra Costa e Marco Pizzo con la collaborazione di Michela Scolaro.

Ministero del Turismo: Funzioni e Iniziative

Quali sono le principali caratteristiche del Ministero del turismo e quali le sue principali responsabilità? Attualmente è Dario Franceschini a capo del Ministero dei Beni, attività culturali e turismo (noto anche come Mibact) ma cerchiamo di scoprire assieme tutto ciò che c’è da sapere su uno dei più importanti Ministero con portafoglio della Repubblica italiana. Come indica il termine stesso, il Ministero dei Beni, attività culturali e turismo si occupa di una molteplicità di aspetti organizzativi che riguardano essenzialmente la salvaguardia del patrimonio culturale italiano e la promozione del turismo, intesa come attività ricettiva di valore inestimabile per un Paese così di ricco di arte e cultura come l’Italia.

Istituito nel 1975, fino al 1998 le attività e le politiche nazionali legate al turismo erano di competenza del Ministero dello sviluppo economiche e, dopo una lunga serie di modifiche strutturali e organizzative, solo nel 2013 sono state accorpate nel Ministero dei Beni, delle attività culturali e del turismo.

Francobolli Italiani di Valore, quali sono Quelli che Valgono di Più

Se la filatelia conosce sempre appassionati in giro per il mondo, anche il nostro Paese ha iniziato a usare (e collezionare!) le affrancature di posta appena dopo la stampa del primo Penny Black del 1840 in Inghilterra. Nel nostro caso la Storia non aveva ancora unificato il Paese, ma già ciascuno dei Regni pre-unitari si poneva il problema di riscuotere un obolo per la spedizione e la consegna dei messaggi postali.

In questo tempo di oltre centosettanta anni, numerose emissioni italiane hanno creato degli esemplari unici o, semplicemente, molto rari, la cui ricerca ne ha spinto alle stelle il valore economico che va ben oltre il valore facciale che i collezionisti di tutto il mondo sono disposti a pagare.

Francobolli Italiani Rari: Ecco quali sono Quelli più Introvabili

Filatelia che passione! Nata dopo l’emissione del primo francobollo mondiale, il famoso Penny Black – creato in Gran Bretagna nel 1840 – la filatelia appassiona da oltre un secolo e mezzo persone che si ritrovano in tutto il mondo per eventi, scambi, aste e collezionismo.

Questo mondo variegato ha visto l’esistenza di francobolli-moneta, quelli acquistabili solo con valuta pregiata (una sterlina o una dracma d’oro ad esempio), gli anaglifici – cioè quelli che creano un’illusione tridimensionale- e gli olografici, quelli portoghesi dei cinque sensi (da leccare, odorare, sfregare, vedere ecc); quelli magnetici, quelli laccati o quelli con materiali incorporati: sembra impossibile, ma in un francobollo sono riusciti a inglobare polveri, frammenti di meteorite, minuscole gemme, tessuti, frammenti di legno o ceramica etc.

Quanti abitanti ci sono in Italia?

Dalle più recenti statistiche l’Italia risulta il 23esimo paese più popolato al mondo, subito dopo il Regno Unito, la Tailandia e la Francia. Nella classifica delle 75 città più popolose invece rientra solamente Roma al 70esimo posto.

Quando si tratta di stime generiche sull’ammontare della popolazione italiana si parla sempre di 60 milioni circa. Una valutazione giusta ma molto approssimativa. In realtà per trovare informazioni più precise basta collegarsi alla pagina web Istat o al sito Italiaora.org che rielabora i dati dell’ente e permette di monitorare, tra i vari elementi, anche la crescita della popolazione italiana. Al momento nel Bel Paese abiterebbero 60.452.959 persone, di cui 155.546 nati nel 2018. La densità media si aggirerebbe intorno ai 200 abitanti per km². Chiaramente sono stime che cambiano senza sosta ed è perciò impossibile dare una risposta definitiva ed universalmente valida alla domanda posta come titolo.

Il Giuramento. La Giovine Italia di Giuseppe Mazzini

Giusto il 10 marzo del 1872 moriva a Pisa Giuseppe Mazzini. Nell’anniversario della scomparsa i Musei Capitolini ospitano, in Sala Carlo d’Angiò, il testo autografo di Mazzini del Giuramento degli affrattellati alla Giovine Italia. E’ la prima volta che lo storico documento,autentico atto di nascita dell’Italia Risorgimentale democratica, conservato presso la Domus Mazziniana di Pisa, viene presentato in pubblico, in occasione delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia.

La mostra di cui la lettera autografa è il vero “tesoro” sarà inaugurata nel pomeriggio del 10 marzo,  nel corso di una cerimonia che si terrà, presente il Sindaco Gianni Alemanno, nella Sala Grande del Palazzo Nuovo dei Musei Capitolini, a partire dalle ore 15.  L’occasione è davvero importante: la signora Norah Mayper, consegnerà, infatti,  nelle mani del Sottosegretario Gianni Letta, una raccolta di circa 600 documenti risorgimentali inediti, appartenuti ad una sua antenata, Katherine Hill, fervente mazziniana e sostenitrice della causa italiana.

Solferino e San Martino: la battaglia degli imperatori. Italia e Francia per l’Unità

Torino, 19-20 novembre 2009. L’Associazione Europiemonte, percorrendo il cammino verso il 2011, organizza un incontro sull’anniversario dell’intervento francese nella seconda guerra d’indipendenza italiana, con il Service Culturel de l’Ambassade de France in Italie, Délégation culturelle de Turin.

Sul cammino celebrativo verso il 2011, gli eventi del 1859 hanno forte rilevanza e non si può trascurare un’altra “storia dimenticata”, la figura di Napoleone III e l’alleanza con la Francia. Il 2008 è stato il bicentenario della nascita dell’Imperatore e il 150° anniversario degli accordi di Plombieres. Il 2009 è l’anniversario dell’intervento francese nella seconda guerra d’indipendenza italiana. Solferino e San Martino furono la più grande battaglia dell’800, dopo Lipsia, vi parteciparono 230.000 soldati e si sviluppò su un fronte di 15 chilometri. Fu la battaglia più lunga e sanguinosa di tutta l’indipendenza italiana, durò quasi 14 ore e vi furono in totale 39.000 uomini fuori combattimento. Le truppe austriache erano comandate dall’imperatore Francesco Giuseppe in persona. Dal tremendo scenario del  massacro lo svizzero Henry Dunant trasse ispirazione per la creazione della Croce Rossa internazionale.

Le anticipazioni del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta relative alle Celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta ha reso noto l’accordo tra la Presidenza del Consiglio e la Presidenza della Repubblica relativo all’invito dei Capi di Stato e di governo degli Stati membri dell’Unione europea, degli Stati Uniti, della Russia e dei Paesi in cui le comunità italiane sono più numerose e radicate (in particolare Argentina, Brasile, Canada e Uruguay) alla festa della Repubblica del 2 giugno.

L’iniziativa, ha precisato il Sottosegretario Letta, è finalizzata a dare risalto internazionale alle celebrazioni. Il programma prevede che i Capi di Stato e di governo partecipino alla parata e, dopo aver presenziato ad una colazione presso il Quirinale, diano in Campidoglio un saluto all’Italia.

Infine, Il sottosegretario Letta ha precisato che, per il solo 2011, il 17 marzo sarà dichiarato festa nazionale.

Giuseppe Garibaldi: la Storia di un Eroe Italiano

Tutti hanno sentito parlare di Giuseppe Garibaldi e non solo in Italia. Non a caso è così famoso da essere stato soprannominato l’eroe dei due mondi. Su di lui e sulle sue imprese, sui suoi compagni d’armi e sui suoi amori si sono spesi fiumi di inchiostro.  Nella visione pro-Risorgimentale se ne narrano solo le imprese. Come in ogni avvenimento storico, però, ci possono essere delle zone di ombra che solo le ricerche storiografiche più accurate e meno sentimentali sono in grado di scoprire. Ovviamente la formazione del regno di Italia, che molto si deve alle imprese garibaldine, ha portato dietro di sè anche tanta violenza e tanta ingiustizia.Tuttavia, Garibaldi è l’emblema del coraggioso uomo che pone innanzi a sè i propri ideali, dimentico dei rischi e dei propri egoismi.

Presidente della Repubblica Italiana: Ruolo, Funzioni e Responsabilità

Nel sistema politico italiano, il presidente della Repubblica ne è la figura più importante. Nella sua figura si racchiude l’immagine della Repubblica stessa ed egli la rappresenta in ambito nazionale ed internazionale, così come previsto dalla Costituzione Italiana. Il Parlamento lo elegge in seduta comune assieme ai rappresentanti delle Regioni, come previsto all’art. 83, tramite scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell’assemblea.  Se non si raggiunge la maggioranza, alla seconda votazione sarà bastante una maggioranza assoluta. Si occupa della convocazione della seduta il presidente della Camera e ciò deve avvenire trenta giorni prima della scadenza del mandato presidenziale. Nel caso di dimissioni, o morte oppure impedimento, i termini si riducono a quindici giorni. Nel caso in cui le camere siano state sciolte, o manchi un trimestre alla loro decadenza, invece, l’elezione del Presidente deve assolutamente avvenire entro il quindicesimo giorno dalla riunione delle camere subentranti.

Il momento da cui il presidente assume le sue responsabilità è il giuramento davanti al Parlamento in seduta comune, privo dei suo delegati regionali, che sono in un numero massimo di 58 elementi. Da quella data partono i sette anni del suo mandato. Questo lungo periodo è pensato per oltreppasare quello delle camere e di fatto lo svincola da legami dall’organo che lo aveva eletto e lo fa diventare elemento legante tra il parlamento uscente e quello entrante. Di fatto non ci sono limiti nella rielezione del presidente, non esiste un veto sul numero dei mandati di elezioni. Si è verificato un caso di doppia elezione consecutiva in tempi piuttosto recenti (presidente Napolitano).

Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana: Cos’è e Funzioni

La Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, (GU), ha il precipuo compito di portare a conoscenza di tutti le normi vigenti. Si occupa di atti pubblici, ma anche di quelli privati che devono essere diffusi e che così possono essere visionati dai cittadini. Si occupa di tutto ciò che comporta l’attività dei vari ministeri, le disposizione, le collaborazioni gli appalti. Ciò che è scritto sulla sulla Gazzetta Ufficiale è un atto ufficialmente riconosciuto da tutti: è il metodo con il quale lo Stato pubblicizza le sue attività nei confronti della comunità.

Le sue origini

Il 4 gennaio del 1860 la gazzetta dell’allora regno piemontese, cambiò il suo nome in Gazzetta Ufficiale del Regno, a seguito dei moti indipendentistici che avrebbero portare alla nascita dell’Italia. Precedentemente era stato il giornale ufficiale del regno di Sardegna, più precisamente dal 2 agosto 1814 al 3 gennaio 1860. Un ulteriore cambiamento ci fu in seguito quando diventò la Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, gestita dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Più recentemente, nell’ottica di un maggior risparmio economico, il Governo ha deciso che la Gazzetta non venga più stampata su carta. Si provvede, quindi, alla sola messa on line. Dal 1 gennaio 2013, è divenuta, quindi, disponibile digitalmente e del tutto gratuitamente.